Luxgallery > Viaggi e Vacanze > Mete > Natura > Equinozio d’autunno 2017: tradizioni, leggende e tutto quello che c’è da sapere

Equinozio d’autunno 2017: tradizioni, leggende e tutto quello che c’è da sapere

L'equinozio d'autunno 2017 è alle porte

pexels-photo-235721

Dopo un’estate caldissima con temperatura africane, è finalmente arrivato il momento di riaprire l’anta autunnale del proprio armadio. Ebbene sì, l’equinozio d’autunno 2017 è alle porte e – come tradizione – porta con sé anche tutte quelle leggende, tradizioni e usanze legate a questo momento dell’anno.

Mancano poco più di 24 ore all’equinozio d’autunno 2017 che avverrà precisamente alle 22.02 del 22 settembre 2017 (ora italiana). Ma cosa aspettarsi? In realtà, a parte un evidente accorciarsi delle ore di luce ed una graduale diminuzione delle temperature, il nostro corpo non percepirà alcun cambiamento evidente e repentino. L’equinozio rappresenta però un evento astronomico fondamentale, che segna quindi l’inizio di una nuova stagione sulla Terra. Come dice il nome, però, a causa della posizione del Sole durante la giornata di domani le ore di luce e di buio saranno esattamente uguali (o quasi).

Va da sé che – visto il particolare avvenimento – nel corso della storia l’equinozio d’autunno, così come quello di primavera, ha rappresentato anche il momento perfetto per far nascere leggende, tradizioni e usanze particolari. In Giappone, ad esempio, si celebra la festa di Otsukimi che prevede la visita alle tombe degli antenati ma anche il cibarsi degli Tsukimi ovvero 12 gnocchi di riso che si impilano a piramide sulla finestra. Per il calendario iraniano, invece, l’equinozio d’autunno rappresenta il primo giorno di Mehr (o della Bilancia) che si inserisce nella festività dedicata alla condivisione dell’amore.