23 dicembre 2014

Domus, guida 2015 alle scuole di architettura e design

Europe’s Top 100 Schools of Architecture and Design

Domus, guida 2015 alle scuole di architettura e design

Domus, prestigiosa rivista di architettura diretta da settembre 2013 da Nicola Di Battista, è in edicola questo mese con l’edizione cartacea e digitale della Guida 2015 alle 100 migliori scuole e università di architettura e design in Europa.

Il magazine prosegue così il progetto editoriale, iniziato due anni fa, di pubblicare la prima guida all’orientamento post-diploma e post-laurea specifico per le professioni di architetto e designer.

Il manuale, integralmente in inglese, è suddivisa in 50 schede per le scuole di architettura e 50 per quelle di design.

19 i corsi di studio italiani entrati nella selezione: 8 nella sezione architettura – Politecnico di Bari, Università di Bologna Alma Mater Studiorum, Università degli studi di Ferrara, Università degli studi di Firenze, Università Iuav di Venezia, Politecnico di Torino e Politecnico di Milano –  e 11 per il design – Libera Università di Bolzano, Università La Sapienza di Roma, Centro di ricerca del Gruppo Benetton, ancora Politecnico di Torino e Università Iuav di Venezia e le sei scuole milanesi Domus Academy, IED, Istituto Marangoni, Nuova Accademia di Belle Arti, SPD e Politecnico di Milano.

In questa edizione, la terza, sono stati esplicitati i criteri di selezione, ragionevoli ma soggettivi, che hanno portato a sceglierne 100 su circa 350 scuole in Europa.

1. La creazione di una rete di riferimenti accreditati nel campo della formazione in architettura e design che rappresenta aree geografiche omogenee. Questo gruppo ci permette di convalidare la selezione; riflette le differenze tra le scuole e mette in evidenza gli aspetti di eccellenza, nuova o vecchia che sia.

2. L’esame della più ampia distribuzione geografica possibile in Europa

3. La selezione delle istituzioni (in particolare per l’architettura) che hanno una reputazione riconosciuta nella comunità degli architetti e designer. Questo valore tende chiaramente a privilegiare le scuole con una lunga tradizione rispetto alle più nuove. D’altra parte, anche se viene continuamente aggiornato, il sistema di educazione europeo si basa su conoscenze consolidate e istituzioni in cui il patrimonio di conoscenze in molti casi non è facilmente percepito dai parametri bibliometrici o digitali utilizzati nelle discipline più scientifiche.

4. Nel campo del design, abbiamo considerato l’apparteneza ad una rete di associazioni autorevoli (es. Cumulus) nel campo dell’istruzione essere un fattore per l’accreditamento.

5. Il rapporto con e l’uso di nuove tecnologie e attrezzature.

6. Le relazioni internazionali con le altre istituzioni e sistemi di stage per la formazione professionale

7. La valutazione dei risultati professionali ottenuti dai laureati dopo un certo lasso di tempo, tenendo conto delle specificità delle diverse istituzioni europee.

TAGS:

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.