Luxgallery > Tempo Libero > Spettacoli > Cinema > David di Donatello 2016, vincitori e red carpet

David di Donatello 2016, vincitori e red carpet

Lo chiamavano Jeeg Robot si conferma il film rivelazione

David-2016-claudio-santamaria_01

Ai David di Donatello 2016 vengono confermati i pronostici. Perfetti sconosciuti di Paolo Genovese porta a casa il premio più ambito mentre Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti e Il Racconto dei Racconti di Matteo Garrone hanno spopolato ai premi Oscar italiani conquistando 7 premi ciascuno.

Giunta alla 60esima edizione, ad ospitare la serata dei David di Donatello 2016 ci ha pensato la Casa del Cinema di Roma. A tirare le fila il sempre bravo Alessandro Cattelan, capace di rialzarsi anche da fragorose gaffe, con la partecipazione di numerosi ospiti e tra cui i The Jackal, che hanno firmato sketch a tema accomunati dalla loro riconoscibilissima chiave stilistica, ma anche il tributo a Morricone e Sergio Leone e il ricordo di Pif a Ettore Scola. A fare da fil rouge ci ha pensato però un tema serissimo, ovvero la mobilitazione del mondo del cinema italiano per Giulio Regeni, il ricercatore italiano ucciso in Egitto.

Abbiamo detto che a trionfare quest’anno è stato Perfetti sconosciuti di Paolo Genovese, vincitore del riconoscimento più ambito della serata, ovvero Miglior film del 2016.
La commedia campione d’incassi, che ruota intorno a un tavolo a cui sono seduti niente di meno che Kasia Smutniak, Marco Giallini, Valerio Mastandrea, Anna Foglietta, Giuseppe Battiston, Edoardo Leo, Alba Rohrwacher, ha conquistato anche la statuetta di Miglior Sceneggiatura.

Ne esce super vincitore Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti, premiato come miglior regista emergente oltre che come miglior produttore.
Se ad attirare l’attenzione di flash e pubblico, bellissima in un abito firmato Blugirl, Ilenia Pastorelli, ex del Grande Fratello, ai David 2016 conquista la statuetta di Miglior Attrice oltre al titolo, non ufficiale, di regina della festa ecco che il film di fantascienza made in Italy si porta a casa poi quello di Miglior Attore, andato a Claudio Santamaria, che ha sfoggiato un look beauty che ha fatto sognare i pelati italiani per la durata del discorso di ringraziamento, per lui però si tratta solo di esigenze di copione, passando per i non protagonisti Luca Marinelli e Antonia Truppo.

Ai David di Donatello 2016 non è andata male nemmeno a Matteo Garrone che con il suo Il Racconto dei Racconti si conquista, tra gli altri, il premio di Miglior Regista, lo scorso anno ai David 2015 Tale of Tales era stato omaggiato, insieme a Mia Madre di Nanni Moretti e La Giovinezza di Paolo Sorrentino per aver rappresentato il cinema italiano al Festival di Cannes.

Tantissime le celebrità made in Italy presenti alla serata. Protagonisti del red carpet dei David di Donatello 2016, Stefano Accorsi, Sabrina Ferilli, Valeria Golino, 12 mesi fa aveva calcato il tappeto rosso con il compagno Riccardo Scamarcio quest’anno era sola, Vittoria Puccini, Paola Cortellesi, reduce dal successo dello show televisivo con Laura Pausini è stata corteggiata in diretta da Valerio Mastandrea, e molti altri ancora.

David di Donatello 2016

Tutti i vincitori dei David di Donatello 2016:
MIGLIOR FILM
Perfetti sconosciuti prodotto da Medusa Film per la regia di Paolo GENOVESE
MIGLIORE REGISTA
Il racconto dei racconti – Tale of Tales di Matteo GARRONE
MIGLIORE REGISTA ESORDIENTE
Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele MAINETTI
MIGLIORE SCENEGGIATURA
Perfetti sconosciuti – Filippo BOLOGNA, Paolo COSTELLA, Paolo GENOVESE, Paola MAMMINI, Rolando RAVELLO
MIGLIORE PRODUTTORE
Lo chiamavano Jeeg Robot – Gabriele MAINETTI per Goon Films, Rai Cinema
MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA
Lo chiamavano Jeeg Robot  – Ilenia PASTORELLI
MIGLIORE ATTORE PROTAGONISTA
Lo chiamavano Jeeg Robot – Claudio SANTAMARIA
MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA
Lo chiamavano Jeeg Robot – Antonia TRUPPO
MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA
Lo chiamavano Jeeg Robot – Luca MARINELLI
MIGLIORE AUTORE DELLA FOTOGRAFIA
Il racconto dei racconti – Tale of Tales –  Peter SUSCHITZKY
MIGLIORE MUSICISTA
Youth – La giovinezza – David LANG
MIGLIORE CANZONE ORIGINALE
Youth – La giovinezza – “SIMPLE SONG #3” musica e testi di David LANG interpretata da Sumi JO
MIGLIORE SCENOGRAFO
Il racconto dei racconti – Tale of Tales – Dimitri CAPUANI, Alessia ANFUSO
MIGLIORE COSTUMISTA
Il racconto dei racconti – Tale of Tales – Massimo CANTINI PARRINI
MIGLIORE TRUCCATORE
Il racconto dei racconti – Tale of Tales – Gino TAMAGNINI, Valter CASOTTO, Luigi D’ANDREA, Leonardo CRUCIANO
MIGLIORE ACCONCIATORE
Il racconto dei racconti – Tale of Tales – Francesco PEGORETTI
MIGLIORE MONTATORE
Lo chiamavano Jeeg Robot – Andrea MAGUOLO con la collaborazione di Federico CONFORTI
MIGLIOR FONICO DI PRESA DIRETTA
Non essere cattivo – Angelo BONANNI
MIGLIORI EFFETTI DIGITALI
Il racconto dei racconti – Tale of Tales – Makinarium
MIGLIOR DOCUMENTARIO DI LUNGOMETRAGGIO
S IS FOR STANLEY – di Alex INFASCELLI
MIGLIOR FILM DELL’UNIONE EUROPEA
IL FIGLIO DI SAUL – di Laszlo NEMES (Teodora Film)
MIGLIOR FILM STRANIERO
IL PONTE DELLE SPIE – di Steven SPIELBERG (20th Century Fox )
MIGLIOR CORTOMETRAGGIO
BELLISSIMA – di Alessandro Capitani
DAVID GIOVANI
LA CORRISPONDENZA – di Giuseppe Tornatore