Luxgallery > Gusto > Chef e Ricette > Da Cracco a Bottura, 70 chef per Amatrice: tre cene di beneficenza esclusive

Da Cracco a Bottura, 70 chef per Amatrice: tre cene di beneficenza esclusive

Tre cene esclusive il cui ricavato andrà in beneficenza ad Amatrice: i menù proposti saranno firmati da 70 chef famosi come Carlo Cracco e Massimo Bottura

bottura-cracco

Ad un mese e mezzo dal terremoto del 24 agosto 2016 che si è abbattuto sul Centro Italia, si moltiplicano gli eventi di beneficenza per raccogliere fondi da donare con l’obiettivo di riportare paesi come Amatrice e Accumoli al loro splendore. Questa volta lo scopo è riattivare e ammodernare la sede dell’Istituto alberghiero di Amatrice; a scendere in capo per l’evento “Le stelle tornano a scuola” circa 70 rinomati chef tra i quali personaggi del calibro di Massimo Bottura, Carlo Cracco, Mauro Uliassi, Moreno Cedroni e Gennaro Esposito che insieme agli altri proporranno menù “d’autore” per tre cene esclusive.

La manifestazione inizierà questa sera, sabato 8 ottobre, e continuerà fino a lunedì 10 proprio nella zona del terremoto, a Rieti, presso l’Istituto Alberghiero Costaggini. Su iniziativa di due chef di zona, i fratelli Maurizio e Sandro Serva che guidano un noto ristorante a Rivodutri, per le tre serate verranno proposti tre differenti menù. Per questa sera il tema sarà la cucina reatina con specialità legate a questa città e rivisitate da celebri chef di zona; per la cena di domenica invece i cuochi si confronteranno con i piatti tipici della tradizione laziale mentre nella cena di lunedì sera i partecipanti potranno assaggiare i cavalli di battaglia dei più famosi chef che si sono prestati a “Le stelle tornano a scuola”, dal riso cacio e pepe di Massimo Bottura al risotto ai peperoni gialli con trippa di baccalà di Gennaro Esposito.

Le tre cene ovviamente sono su prenotazione con una donazione minima per la partecipazione; si parte con 50 euro per la prima serata, 100 per la seconda e 250 per la terza, la più esclusiva. Il servizio sarà garantito dai ragazzi della stessa scuola alberghiera.

Foto: pagina Facebook Carlo Cracco