4 dicembre 2015

Cruciani charity per Natale

Il braccialetto con tre stelle di Natale

Cruciani charity per Natale

Non solo Pomellato e Antonini.

Anche quest’anno, sempre in occasione delle feste, Cruciani C rinnova il suo aiuto a sostegno delle cause benefiche promosse dall’AIL, che ha tra i suoi obiettivi principali quello di migliorare la qualità di vita dei malati e delle loro famiglie.

Per sostenere questa iniziativa, il marchio ha realizzato un nuovo braccialetto in pizzo macramè La Buona Stella della Ricerca.

Un accessorio moda, proposto in rosso e argento,  con tre stelle di Natale, da sempre simbolo della storica campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi dell’l’Associazione Italiana contro le Leucemie, i Linfomi e il Mieloma.

I nuovi braccialetti saranno disponibili al costo di 10€ fino a metà gennaio in tutti i negozi Cruciani C, sull’e-shop della maison, e sull’e-commerce dell’AIL.

Braccialetto in pizzo macramè La Buona Stella della Ricerca

Continua così l’importante partnership tra l’AIL e Cruciani, una collaborazione iniziata nel 2012 che ha permesso di raccogliere ad oggi 820.000 euro per finanziare la ricerca scientifica e i servizi di assistenza ai malati ematologici.
Le due realtà si impegnano insieme per lo Studio su Concepimento e Gravidanza nei pazienti affetti da Leucemia Mieloide Cronica.

Lo scopo dello Studio promosso da Cruciani C e AIL è quello di valutare l’impatto effettivo delle terapie sui pazienti affetti da Leucemia Mieloide Cronica (LMC), aiutandoli a condurre uno stile di vita adeguato, permettendo anche di affrontare una gravidanza.

Arianna Caprai CDA Cruciani

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.