Luxgallery > Tempo Libero > Spettacoli > Cinema > Cinematogra-Fo, il cinema di Dario Fo al MIC di Milano: il programma

Cinematogra-Fo, il cinema di Dario Fo al MIC di Milano: il programma

Dall’1 al 3 novembre 2016 omaggio in sette film al grande autore, scomparso lo scorso 13 ottobre

copertina-lux_hp2

Era il 13 ottobre quando abbiamo detto addio ad uno dei più grandi esponenti della nostra cultura, simbolo indiscusso di creatività, originalità e impegno: Dario Fo.

La Fondazione Cineteca Italiana ricorda il premio Nobel con Cinematogra-Fo, il cinema di Dario Fo, con un omaggio lungo sette film in programma dall’1 al 3 novembre 2016 presso il Il MIC – Museo Interattivo del Cinema di Milano.

Apre la retrospettiva l’animazione Johan Padan a la descoverta de le Americhe (2002) di Giulio Cingoli, tratto dall’omonimo testo teatrale di Dario Fo, qui anche interprete di alcune battute di un personaggio; in programma, poi, Lo svitato (1956) di Carlo Lizzani, dove Fo interpreta Achille, un ingenuo fattorino di stazione che desidera sbarcare il lunario ed è innamorato di una bella ragazza (Franca Rame), che dopo vari tentativi clowneschi riesce a conquistare.

Sempre martedì 1 alle 19, ecco Scuola Elementare (1954) di Alberto Lattuada, dove il drammaturgo ha solo un piccolo ruolo, quello di un tipografo.

Passando a mercoledì 2, spazio a Musica per vecchi animali (1989) di Umberto Angelucci e Stefano Benni, dove tre personaggi surreali – un professore (Dario Fo), un meccanico esperto di Kung-fu (Paolo Rossi) e una ragazzina bionda (Viola Simoncioni) – si imbarcano in un viaggio allegorico per attraversare una città distopica.

Da segnalare che al termine del film, si terrà un incontro con Felice Cappa, giornalista, autore televisivo e regista autore di numerosi progetti artistici e regie dei lavori di Dario Fo e Franca Rame. Dopo l’incontro, proiezione del film Fanfani rapito (1976) di Dimitri Makris, ripresa televisiva dell’omonima commedia in tre atti di Dario Fo e Franca Rame, che debutta il prossimo 5 giugno alla Palazzina Liberty di Milano.

In retrospettiva, infine, Rascel-Fifì (1956) di Guido Leoni e Souvenir d’Italie (1957) di Antonio Pietrangeli con Alberto Sordi e Vittorio De Sica dove Fo ha un piccolo ruolo, oltre ad essere fra gli autori della sceneggiatura.

Ecco il programma completo
Martedì 1 novembre
h 15.00 Johan Padan a la descoverta de le Americhe
Giulio Cingoli, Italia, 2002, animaz., 83’.
Trasposizione animata dell’omonimo testo teatrale di Dario Fo.

h 17.00 Lo svitato
Carlo Lizzani, Italia, 1956, 110’. Con Dario Fo, Franca Rame.
Un ingenuo fattorino della redazione di un quotidiano ha velleità giornalistiche che cambieranno la sua vita.

h 19.00 Scuola Elementare
Alberto Lattuada, Italia, 1954, 96′. Con Riccardo Billi e Mario Riva
Un maestro elementare del sud si trasferisce a Milano dopo aver vinto un concorso.

Mercoledì 2 novembre
h 16.00 Musica per vecchi animali
Umberto Angelucci e Stefano Benni, Italia, 1989, 109’.
Tre personaggi surreali si imbarcano in un viaggio allegorico per attraversare una città distopica.
Al termine incontro con Felice Cappa, giornalista, autore televisivo e regista autore di numerosi progetti artistici e regie dei lavori di Dario Fo e Franca Rame.

A seguire
Fanfani rapito – Ingresso libero
Dimitri Makris, Italia, Italia, 1976, 91’.
Ripresa televisiva dell’omonima commedia in tre atti di Dario Fo e Franca Rame, che debutta il 5 giugno alla Palazzina Liberty di Milano.

Giovedì 3 novembre
h 15.00 Rascel-Fifì
Guido Leoni, Italia, 1956, 84′ con Renato Rascel, Dario Fo, Franca Rame
Due amici inaugurano un night club nella fumosa New York dei gangster.

17.00 Souvenir d’Italie
Antonio Pietrangeli, Italia, 1957, 100′. Con Alberto Sordi, Vittorio De Sica, Dario Fo.
Una turista inglese continua il suo viaggio per l’Italia insieme ad una francese ed una tedesca autostoppiste