16 dicembre 2014

Castiglion del Bosco premiata da Andrew Harper

L'agenzia di viaggi di lusso l'ha inserita su The Hideaway Report

Castiglion del Bosco

Tra le mete più suggestive d’Italia c’è Castiglion del Bosco parola di Andrew Harper.

La Tenuta a Montalcino, di proprietà di Massimo e Chiara Ferragamo, è stata infatti selezionata dall’agenzia di viaggi di lusso che l’ha inserita su The Hideaway Report, una delle più prestigiose pubblicazioni nel settore, come meta consigliata del mese di dicembre.

Tra le più grandi e antiche tenute della Val d’Orcia, Castiglion del Bosco è sinonimo di ospitalità eccellente e profondo rispetto del territorio di appartenenza.

Molto selettivi infatti i criteri per poter comparire su The Hideaway Report.
L’agenzia viaggi ne descrive con attenzione le principali caratteristiche e tra i punti di eccellenza di Castiglion del Bosco sottolineati nella recensione risultano le suite ampie ed eleganti del Resort 5 stelle lusso, l’ottima cucina di qualità e la splendida piscina a sfioro.

Andrew Harper non ha mancato poi di segnalare i vigneti dai quali si produce un ottimo Brunello di Montalcino, il campo da golf (18 buche l’unico privato in Italia) e l’ampio programma di attività messe a disposizione degli ospiti durante i loro soggiorni dalle degustazioni alle escursioni passando per trattamenti spa di alto livello e molto altro ancora.

Se state programmando una fuga per le ormai imminenti vacanze di Natale 2014 ecco che Castiglion del Bosco potrebbe essere la vostra scelta di lusso.

Castiglion del Bosco - Andrew Harper, The Hideaway Report

www.castigliondelbosco.com

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.