Luxgallery > Gusto > Chef e Ricette > Carlo Cracco annuncia l’addio a Masterchef: riparte dalla Galleria di Milano

Carlo Cracco annuncia l’addio a Masterchef: riparte dalla Galleria di Milano

Carlo Cracco ha detto addio a Masterchef, ecco i nuovi ambiziosi progetti

Cracco

Carlo Cracco, lo chef più desiderato d’Italia, lascia ufficialmente il programma che gli ha regalato la gloria anche fra i non addetti ai lavori: è tempo di chiudere l’avventura di Masterchef e puntare ulteriormente sul suo ruolo imprenditoriale. Insieme alla nuova compagna che segue la comunicazione delle sua svariate imprese, lo chef stellato ha in cantiere un progetto molto ambizioso, che spiega a Repubblica.

Un impegno che mi assorbirà totalmente nei prossimi mesi e a cui mi dedicherò con tutto me stesso. Non c’è spazio per altro, nemmeno per MasterChef che tanto mi ha dato, una esperienza fantastica. È stato molto bello ma veramente adesso voglio concentrarmi sul mio vero lavoro. Guardi, il nostro lavoro adesso non è solo stare in cucina. Questa è una visione vecchia del mestiere. Devi essere manager, le nostre sono aziende, hai la responsabilità di tante persone. E comunque in cucina ci sono sempre stato, anche in questi sei anni. Mettiamola così, starò ancora di più in cucina“. Chiarisce Cracco.

Sto seguendo il cantiere giorno dopo giorno ed è una emozione fortissima. Siamo nel cuore di Milano, nel luogo simbolo della città. Mi sento addosso una responsabilità in più, quella di contribuire ulteriormente all’affer-mazione nel mondo della città che mi ha lanciato. È il sogno che si avvera, un locale a 360 gradi nella ristorazione moderna, del futuro, con bistrot, caffetteria, pasticceria e, al primo piano, affacciato sull’Ottagono, il ristorante. I prossimi saranno i mesi più caldi“. Ma c’è anche un altro ristorante di prossima apertura, con dei soci di primissimo piano, in zona più decentrata, sempre a Milano: “Il Garage Italia, insieme a Lapo e all’architetto De Lucchi, in estate. Un segmento intermedio tra la Galleria e la Segheria sui Navigli, l’altro mio locale”. Chi si augura raccoglierà ora la sua eredità? Una donna.