14 aprile 2015

Calzedonia, i costumi per l’estate 2015 sfilano su Twitter

La testimonial della collezione #CLZ è Sara Sampaio

Sara Simpaio per #CLZ di Calzedionia

Volete andare a una sfilata? Vi basterà accedere a Twitter.
Calzedonia ha infatti deciso di presentare la nuova collezione young #CLZ, una capsule collection di bikini per l’estate 2015, sul celebre social network.

L’appuntamento è per oggi e domani, 14 e 15 aprile 2015, alle ore 12:00 e 19:30. Attraverso la #TweetCam, Calzedonia trasmetterà dunque la sfilata in tempo reale, lungo il catwalk sono state posizionate tre diverse fotocamere, e permetterà ovviamente al pubblico di interagire rendendo lo shop ancora più inedito.

Ma c’è di più, twittando all’account del brand @TweetCalzedonia con l’hashtag #TweetCam, gli spettatori riceveranno un’immagine dello show personalizzata con il loro Twitter handle e con l’esatto timing dello scatto. Inoltre, il backstage della sfilata della collezione #CLZ che sarà trasmesso in streaming via Periscope dall’account @calzedonia.

#CLZ di Calzedionia su Twitter

Vediamo ora da vicinpo la collezione #CLZ di Calzedonia.
Destinata a giovani digital-addicted, questa capsule collection per l’estate 2015 si compone di bikini colorati.
A caratterizzare i capi #CLZ sono infatti fantasie multicolor, stampe pop e tinte fluo. Costumi accattivanti e fotogenici ideati per rendere i selfie in spiaggia ancora più virali.

Testimonial di questi costumi per l’estate 2015 di Calzedonia è la top model Sara Sampaio immortalata per l’occasione dal fotografo Mariano Vivanco.

Sfilata Calzedionia - #CLZ estate 2015 su Twitter

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.