1 dicembre 2015

Calendario Pirelli 2016, il party a Londra

London callin'

Calendario Pirelli 2016, il party a Londra

Se l’anno scorso era stato svelato nell’esclusiva cornice dell’HangarBicocca di Milano, quest’anno il Calendario Pirelli è stato presentato alla stampa, agli ospiti e ai collezionisti di tutto il mondo a Londra, presso la Roundhouse, ex edificio industriale divenuto negli anni Sessanta uno dei templi del rock della capitale britannica.

Tra gli ospiti presenti alla cena di gala, la ex Spice Girl Geri Halliwell con il marito Christian Horner, Livia Firth, Eva Riccobono, Gloria Gaynor, Lapo Elkann, Asaf Avidan, e la splendida Cate Blanchett.

Padroni di casa del party, così come della conferenza stampa avvenuta nel pomeriggio, Annie Leibovitz, fotografa del Pirelli 2016, il ceo della casa di pneumatici, Marco Tronchetti Provera, e tre calendar-girls, la blogger Tavi Gevinson, l’attrice Yao Chen e la presiedente del Moma, Agnes Gund.

La 43esima edizione del celebre datario è stata realizzata lo scorso luglio in uno studio di New York dalla Leibovitz, una delle più celebri fotografe e ritrattiste americane, che aveva già collaborato con Pirelli nel 2000, immortalando le danzatrici del corpo di ballo del coreografo Mark Morris, considerata la prima serie di nudi della sua carriera.

Gli scatti del The Cal 2016, invece, sono privi di nudo. “Il Calendario del 2000 è stato un esercizio nella fotografia del nudo. Si trattava di un concetto semplice”, ha spiegato la Leibovitz. “Nel 2016 abbiamo fatto qualcosa di completamente diverso, ma allo stesso tempo semplice. E’ il classico set di ritratti in bianco e nero scattati in studio”.

“Quando Pirelli mi ha contattato, mi hanno detto che desideravano intraprendere un percorso diverso rispetto al passato. Hanno suggerito l’idea di fotografare donne che in qualche modo si sono distinte. Ci siamo trovati d’accordo e l’obiettivo successivo è stato quello di essere molto diretta. Volevo che le fotografie mostrassero le donne esattamente come sono, senza artifici”.

Il Pirelli 2016 ha come protagoniste tredici donne di “età, provenienze e percorsi professionali diversi” che “hanno raggiunto traguardi importanti nella vita professionale, sociale, culturale, sportiva e artistica“.

Ecco l’attrice Yao Chen, prima ambasciatrice cinese dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR); la top model russa Natalia Vodianova, fondatrice dell’organizzazione filantropica Naked Heart Russia; la produttrice Kathleen Kennedy, presidente di Lucasfilm e tra le figure più rilevanti di Hollywood; la collezionista d’arte e mecenate Agnes Gund (ritratta con la nipote Sadie Rain Hope-Gund), presidente emerita del MoMA; la tennista Serena Williams, numero uno del mondo; l’opinionista, critica e scrittrice Fran Lebowitz; la presidente di Ariel Investments Mellody Hobson, impegnata in progetti filantropici a Chicago; la regista Ava DuVernay, nota per aver diretto, tra gli altri, il film candidato all’Oscar 2015 Selma – La Strada per la Libertà; la blogger Tavi Gevinson, fondatrice del blog Style Rookie e del magazine online Rookie; l’artista iraniana di arte visiva Shirin Neshat; l’artista, musicista e performer Yoko Ono; la cantante Patti Smith, tra le più grandi protagoniste della musica rock; l’attrice e comica Amy Schumer.

Con il lancio dell’edizione 2016 si arricchisce di nuovi contenuti anche il nuovo sito dedicato al prodotto cult distribuito quest’anno in appena 17 mila copie a clienti vip, politici e personalità di spicco: su www.pirellicalendar.com si possono trovare filmati, fotografie e interviste che raccontano la sua storia.

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.