Luxgallery > Fashion > Abbigliamento > Burberry si chiamerà Burberry e basta

Burberry si chiamerà Burberry e basta

La maison manda in pensione le collezioni Prorsum, London e Brit

01-burberry-festivity-Romeo-Beckham-James-Bay

Burberry, che ha da poco celebrato con un party la nuova campagna Festive, dal cast stellare, in occasione del Natale 2015, è pronta a uno cambiamento epocale.

La maison, a cui fanno capo le collezioni Prorsum, London e Brit, entro il 2016 si chiamerà solamente Burberry, unificando così le 3 etichette sotto un’unica denominazione. “La nuova label – fa sapere la maison britannica – sostituisce le tre linee precedenti semplificando la presentazione della gamma completa di prodotti Burberry”.

Il passaggio avverrà nel corso del prossimo anno e la definitiva unificazione delle tre etichette alla fine del 2016.

“Il comportamento del cliente lusso è in continua evoluzione, lo stile è più fluido e questo si riflette anche nelle modalità di acquisto – ha commentato in una nota diramata dall’azienda Christopher Bailey, ceo e direttore creativo  della Label inglese. – I cambiamenti che stiamo facendo ci permettono di incontrare i bisogni del nostro pubblico in modo più intuitivo. Unificando le nostre tre linee sotto un’unica etichetta possiamo anche offrire un’esperienza molto più coerente delle collezioni Burberry”.

Quello di Burberry non è di certo un caso isolato. Basti pensare alla decisione di Dolce&Gabbana di far confluire il brand D&G all’interno della prima linea, operazione che risale al 2011, o alla più recente chiusura di Marc by Marc Jacobs che consentirà a Marc Jacobs di far confluire tutte le forze nella main line, così come la scelta di Viktor & Rolf di lasciare il prȇt-à-porter i favore delle collezioni haute couture, e molti altri casi ancora.