26 febbraio 2015

Brit Awards 2015, i look più belli

Glamour a Londra

Taylor Swift ai Brit Awards 2015

E’ vero la settimana della moda è finita, ma Londra non ha nessuna intenzione di smettere di brillare.

Dopo i Bafta, i principali riconoscimenti del cinema made in UK e la London Fashion Week, la capitale inglese ha ospitato i premi più prestigiosi e ambiti del Regno Unito assegnati ogni anno ai protagonisti della musica dalla BPI, l’associazione che rappresenta tutte le case discografiche del Paese.

Trionfatore dei Brit Awards 2015, Ed Sheeran, che si rifà dalla delusione dei Grammy, portando a casa i titoli più significativi della serata, ovvero Miglior artista britannico e Best Album grazie al suo pluripremiato X.

Due premi anche per Sam Smith, che solo pochi giorni fa si è aggiudicato ben quattro Grammofoni d’oro; il 24enne ha ritirato prima la statuetta per Global Success Award direttamente dalle mani di Kim Kardashian e poi per Miglior artista emergente britannico.

La Canzone inglese dell’anno è Uptown Funk di Mark Ronson ft Bruno Mars, mentre il Miglior Video, votato tramite Twitter, è You And I dei One Direction. A ritirare il premio per gli idoli di casa, il loro produttore Simon Cowell.

Premiati anche Taylor Swift come International Female Solo Artist, Pharrell Williams e un’emozionatissima Paloma Faith.

Sul palco della O2 Arena, come di consueto, tantissime performance live, che hanno letteralmente infiammato il pubblico: da Kanye West con tanto di lanciafiamme e un centinaio di ballerini a Taylor Swift che giacca a doppio petto nero, ha cantato la hit Blank Spaces, passando per George Ezra con Budapest e Paloma Faith con Only love can hurt like this.

E poi, spazio a Sam Smith, che il 9 marzo si esibirà a Milano, con la nuova hit Lay Me Down e a Ed Sheeran, che solo con la sua chitarra ha regalato una suggestiva esibizione di Bloodstream.

Poi è arrivato il momento più atteso della serata: il ritorno di Madonna ai Brit Awards dopo venti anni, che non poteva essere più indimenticabile di così.

La Regina del pop sul palco per presentare l’ultimo singolo Living For Love circondata da tantissimi ballerini, rimane tradita dalla bellissima cappa realizzata per lei da Armani: durante la performance, infatti, la 56enne non è riuscita a liberarsi del mantello ed è caduta.
Poi, da perfetta professionista, dopo un qualche attimo di sbandamento dei suoi ballerini, si rialza e termina la sua esibizione.

Tra i look più apprezzati sul red carpet londinese, l’abito firmato Tom Ford indossato da Karlie Kloss e quello di Taylor Swift, impreziosito da un sensuale drago rosso griffato Roberto Cavalli Atelier

E poi, FKA Twigs, immortalata poi all’afterparty con il sexy fidanzato Robert Pattinson, con uno stravagante outfit Alexander McQueen, Charlie XCX in Vivienne Westwood e Kim Kardashian audace come al solito con una jumpsuit di Julien McDonald.

Paloma Faith ha scelto un abito Giorgio Armani Privé a noi già noto: indossato da Rocio sul palco del Festival di Sanremo e da Behati Prinsloo agli Oscar 2015. Emporio Armani anche per Calvin Harris, sexy testimonial del brand.

Tutte le foto nella gallery!

I VINCITORI
MASTERCARD BRITISH ALBUM
Ed Sheeran – ‘X’
BRITISH FEMALE SOLO ARTIST
Paloma Faith
BRITISH MALE SOLO ARTIST
Ed Sheeran
BRITISH GROUP
Royal Blood
INTERNATIONAL FEMALE SOLO ARTIST
Taylor Swift
INTERNATIONAL GROUP
Foo Fighters
CRITICS’ CHOICE AWARD
James Bay
BRITISH PRODUCER
Paul Epworth
BRITISH VIDEO
One Direction – ‘You And I’
BRITISH SINGLE
Mark Ronson Ft Bruno Mars – ‘Uptown Funk’
BRITISH BREAKTHROUGH ACT
Sam Smith
INTERNATIONAL MALE SOLO ARTIST
Pharrell Williams

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.