Luxgallery > Tempo Libero > Eventi > Black Friday 2016: 5 curiosità sul venerdì nero dello shopping

Black Friday 2016: 5 curiosità sul venerdì nero dello shopping

Il Black Friday 2016 è finalmente arrivato: ecco allora 5 curiosità sul venerdì nero dello shopping

Black-Friday

Sconti folli e offerte da urlo nonché ore ed ore passate online per cercare di aggiudicarsi il prodotto che desideriamo da mesi ma al prezzo migliore. Questo è molto altro è il Black Friday, un evento nato negli Stati Uniti negli anni Venti ma diventato popolare solo a partire dagli anni Ottanta e che, grazie alla globalizzazione, a partire dal Duemila è diventato un appuntamento fisso anche in Europa.

Ma quali sono le curiosità che girano intorno a questo evento? 1. Origine incerta: sebbene si è certi che la prima parata per celebrare l’inizio dello shopping natalizio sia stata fatta nel 1924 perchè organizzata dalla catena Macy’s, ancora oscura è l’origine del nome. Qualcuno pensa si possa trattare di un riferimento al traffico automobilistico mentre altri alle annotazioni dei commercianti. 2. Una “festa non festa”: ebbene sì, il Black Friday viene quasi considerato una festa nazionale negli Stati Uniti. Nonostante non ci sia nulla di ufficiale, sono molti i lavoratori che chiedono un giorno di ferie per poter approfittare degli sconti ma anche per “festeggiare” con la propria famiglia.

3. Tipi da Black Friday: vi siete mai chiesti chi sono i fan indiscussi del venerdì nero dello shopping? I più spendaccioni sembrano essere i giovani dai 18 ai 34 anni, amanti della tecnologia ma anche della moda e dei viaggi. Quando e come comprano? Gli acquisti migliori si fanno intorno alle 7 di mattina tramite smartphone! 4. Il Black Weekend diventa social: già cinque giorni prima della “data X”, le interazioni sociali sull’argomento aumentano del 30%. L’aumento è continuo e tocca il picco nella giornata del Black Friday raggiungendo addirittura quota +45% rispetto ai giorni precedenti. 5. Sconti che tramortiscono: alcuni anni fa, a Los Angeles, una donna utilizzò lo spray al peperoncino per stordire tutte le persone che aveva intorno e non farsi così scappare il prodotto più scontato del reparto di elettronica.