Luxgallery > People & Brand > Business > Bilancio Luxottica 2016, parla Leonardo Del Vecchio

Bilancio Luxottica 2016, parla Leonardo Del Vecchio

Fatturato in crescita

del-vecchio-luxottica-2016

Archiviato un 2015 da incorniciare dal punto di vista del fatturato, che ha superato per la prima volta la soglia record dei 9 miliardi di euro, Luxottica inizia il 2016 con il botto.

Il colosso dell’occhialeria chiude il primo trimestre dell’anno con ricavi in aumento del 3,8% a cambi costanti (pari a 2.266 milioni di euro) rispetto a quelli già eccezionali dello stesso trimestre dello scorso anno.

Sia la divisione Wholesale sia quella Retail registrano un aumento del fatturato a cambi costanti, anche se la performance si confronta con un forte primo trimestre del 2015, quando il lancio della prima collezione Michael Kors aveva generato picchi di domanda in Nord America, e il retail risulta penalizzato nel trimestre dall’adozione del calendario gregoriano.

Il Gruppo continua a crescere in Nord America e in Europa, come pure nei mercati emergenti se si esclude l’impatto negativo dei cambi in particolare in America Latina.

“Siamo soddisfatti dei risultati dei primi quattro mesi del 2016, allineati alle nostre aspettative, e della qualità della crescita. È una crescita realizzata in un contesto macroeconomico sempre più volatile e incerto e in una fase di profonda trasformazione dell’approccio commerciale del Gruppo, con iniziative, quali l’omogeneizzazione dei prezzi in aree geografiche importanti, l’implementazione di rigorose politiche commerciali con piattaforme online e la pulizia degli inventari di alcuni nostri clienti, che comportano alcuni sacrifici iniziali – hanno commentato  Leonardo Del Vecchio, Presidente Esecutivo, e Massimo Vian, Amministratore Delegato Prodotto e Operations. – I numeri, che si confrontano con quelli del miglior trimestre del 2015, non riflettono quindi appieno le attività e le iniziative che stiamo implementando per consolidare il nostro posizionamento competitivo e porre le basi per una crescita sana e sostenibile nel lungo periodo”.

“Vediamo con grande interesse i risultati del business dell’ottica, che nei primi mesi dell’anno hanno trainato la crescita nei principali mercati, mentre il sole, in un trimestre di bassa stagionalità, ha mostrato qualche incertezza principalmente per il rallentamento dei flussi turistici negli Stati Uniti e a Hong Kong.”

“Anche se in alcuni mercati come Hong Kong e il Medio Oriente stiamo soffrendo, come pure nel canale sportivo di Oakley, ci aspettiamo nei prossimi mesi una decisa ripresa della crescita grazie al forte contenuto innovativo delle collezioni e alle nuove strategie di comunicazione digitale, e riteniamo di poter confermare le guidance per l’intero anno.”

“Il 2016 è un anno di profondo cambiamento per il Gruppo. I pilastri della nostra strategia non cambiano: qualità del prodotto, marchi forti, fabbriche efficienti, distribuzione già capillare ma in continua espansione e un eccellente livello di servizio. Si stanno però progressivamente adeguando a un mondo in continua evoluzione. Tante volte in passato abbiamo dimostrato con successo la capacità di innovare e di reinventarci. Oggi, anche alla luce di uno scenario più incerto, stiamo accelerando l’implementazione di alcune iniziative e gli investimenti nelle infrastrutture tecnologiche e logistiche del Gruppo, convinti che nel medio termine ci porteranno grandi efficienze e ulteriori vantaggi competitivi”.