Luxgallery > People & Brand > Storie di Successo > Best global brands 2016: Gucci è il primo tra gli italiani

Best global brands 2016: Gucci è il primo tra gli italiani

Al primo posto della classifica, Apple

gucci-hp

Meglio Louis Vuitton o Prada? Samsung o Apple? Coca Cola o Pepsi?

A rispondere a questi dubbi amletici, almeno in parte, ci pensa Interbrand, società di analisi e consulenza di New York che ogni anno stila la classifica dei 100 marchi dal maggiore valore economico a livello internazionale.

La metodologia è sempre la stessa: attenta analisi dei modi in cui i marchi aiutano a far crescere le aziende, della soddisfazione delle aspettative dei clienti, e infine della generazione di valore economico.

Anche quest’anno, Apple e Google si confermano Best global brands 2016; la società di Cupertino e il motore di ricerca più utilizzato nel mondo si sono attestati al primo e secondo gradino del podio per la quarta volta consecutiva.

Se l’azienda che quest’anno ha lanciato l‘iPhone 7 accresce il valore del proprio brand del 5%, raggiungendo 178.119 milioni di dollari USA, il valore del brand Google è cresciuto dell’11% fino a raggiungere 133.252 milioni di dollari USA.
Coca-Cola, Microsoft, Toyota, IBM, Samsung, Amazon, Mercedes-Benz e GE completano poi la Top 10.

“E’ indubbio che i best global brands non subiscano il cambiamento, bensì lo guidino. Per far crescere il proprio brand e il business rivolgono l’attenzione sia al proprio interno che all’esterno, si espandono in nuovi mercati e offrono un’experience rilevante”, ha detto Jez Frampton, Global Chief Executive Officer di Interbrand.

L’Italia è rappresentata anche quest’anno da Gucci al 53esimo posto con un valore di 9,385 milioni, (anche se appartiene alla francese Kering ndr), e da Prada, che si aggiudica l’81° posizone con un valore di 5,504 milioni di dollari.

Ma, la classifica nella classifica dei brand del mondo del lusso, la stravince Louis Vuitton, maison che fa parte del gruppo LVMH guidato da Bernard Arnault, che occupa infatti la 19° posizione con un valore di circa 24 milioni di dollari.
Dior entra per la prima volta nella Top 100, aggiudicandosi l’89° posizione con un valore di 4,909 milioni di dollari.

In classifica anche Burberry, Ralph Lauren, Hermès, Cartier e Tiffany & Co. anche se i più forti in assoluto sono i marchi di moda democratica come H&M e Zara (rispettivamente 20° e 27° posizione) e quelli di sportswear come Nike e adidas (18° e 60°).

I cinque Top Growing Brands (primi per la crescita) al mondo comprendono Facebook (con una crescita del 48%), Amazon (33%), LEGO (25%), Nissan (22%) e Adobe (21%).

Qui la classifica completa.