17 maggio 2015

Bandiera Blu 2015

Le località turistiche balneari più sostenibili d’Italia

Se le classifiche di TripAdvisor hanno eletto le spiagge e le città più belle del 2015, vediamo quali località costiere dello Stivale vengono premiate quest’anno con l’ambita Bandiera Blu.

La Bandiera Blu è un riconoscimento internazionale, istituito nel 1987 Anno europeo dell’Ambiente, che viene assegnato ogni anno in 48 paesi, inizialmente solo europei, più recentemente anche extra-europei, con il supporto e la partecipazione delle due agenzie dell’ONU: UNEP (Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente) e UNWTO (Organizzazione Mondiale del Turismo) con cui la FEE ha sottoscritto un Protocollo di partnership globale.

Le Bandiere Blu 2015 sventolano in 280 lidi d’Italia, 7 in più rispetto al 2014.

Sul podio salgono Liguria (23), Toscana (18) e Marche (17). Le 11 new entry sono Taggia, Borghetto S.Spirito, S.Margherita Ligure (Liguria); Capaccio (Campania); Terracina (Lazio); Cannobio (Piemonte); Castellaneta (Puglia); Castelsardo, Sorso (Sardegna); Tusa (Sicilia); Rosolina (Veneto).

Ad uscire dall’elenco delle migliori spiagge sono due abruzzesi e due siciliane: Silvi, Rocca S. Giovanni, Ragusa e Marsala.

Non basta che il mare sia pulito per avere il vessillo europeo che sventola sul lungomare, occorre che la stessa pulizia e la necessaria cura riguardino anche le spiagge, i servizi, l’ambiente naturale e urbano nel suo complesso.

Clicca qui per l’elenco completo delle Bandiere Blu 2015 in Italia, una lista da prendere in considerazione per organizzare le prossime vacanze estive.

Bandiera Blu 2015 in Italia

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.