1 settembre 2015

50 Sfumature di nero, James Foley è il regista

Notizia ufficiale

50 Sfumature di nero

Dopo settimane di indiscrezioni, è arrivata l’ufficialità.

James Foley sarà il regista di 50 Sfumature di nero.

La conferma arriva direttamente dalla Universal Pictures, che ha affidato a Variety il compito di rilasciare in anteprima la notizia che tutte le fan di Christian Grey stavano aspettando.

Il sequel di 50 Sfumature di grigio con Jamie Dornan e Dakota Johnson sta quindi prendendo forma, come ci aveva anticipato E.L. James sui social.

Per chi non lo conoscesse, Foley ha lavorato sia nel cinema sia in tv.

Nella sua lunga carriera, ha lavorato per registi prestigiosi come David Lynch, nella serie Twin Peaks e David Fincher, in House of Cards (qui le anticipazioni sulla quarta serie), di cui ha diretto alcuni episodi.

Per il grande schermo ha diretto tra gli altri Who’s That Girl (1987), Americani (1992) e Perfect Stranger (2007).

James Foley

Adesso si può finalmente cominciare a parlare di casting e scegliere gli attori per i personaggi che entrano in gioco nei due capitoli finali della trilogia erotica.

Nei giorni scorsi il regista aveva twittato “A pranzo… Dakota”, suggerendo un incontro proprio con la protagonista che vedremo nei prossimi giorni al Festival di Venezia.

Foley prende il posto di Sam Taylor-Johnson, che ha abbandonato il progetto a seguito dei dissapori con la James.
Uno dei motivi delle incomprensioni tra le due riguardava le scene di sesso che la scrittrice inglese avrebbe voluto più esplicite e più fedeli ai suoi romanzi, mentre la regista inglese avrebbe spinto per un approccio più leggero.

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.