10 novembre 2016

50 sfumature di nero, in USA vietato ai minori di 17 anni

Il film tanto atteso ha ottenuto dalla MPAA il divieto "R"

50 sfumature di nero

Le fan hanno chiesto a gran voce un film più audace e trasgressivo, il più possibile vicino al libro che hanno tanto amato.

Ecco che E.L. James ha ascoltato il suo fandom, e dopo aver dato il benservito alla regista di 50 sfumature di grigio, rea di essere stata troppo “leggera”, ha promesso nei due sequel un’alta dose di eroticità.

In realtà però, 50 sfumature di nero, proprio come il suo predecessore , ha ottenuto dalla MPAA, ovvero la censura cinematografica americana, “solo” il divieto “R”, ovvero Restricted, riservato ai film vietati ai minori di 17 anni non accompagnati.

È lo stesso divieto del primo, ed è stato assegnato per i “forti contenuti sessuali espliciti, scene di nudo e linguaggio”.

Scritto da Niall Leonard (marito della scrittrice E. L. James) e diretto da James Foley, 50 Sfumature di nero, che vedrà il ritorno sul grande schermo di Jamie Dornan e Dakota Johnson nei panni di Christian Grey e Anastasia Steele, arriverà nelle sale il 9 febbraio 2017.

Fanno ritorno dal film originale anche il premio Oscar Marcia Gay Harden, Jennifer Ehle, Luke Grimes, Rita Ora, Victor Rasuk, Eloise Mumford e Max Martini. Tra le new entry, Kim Basinger, Hugh Dancy, Bella Heathcote e Eric Johnson.

Ora dovremo attendere per scoprire che rated sarà riservato per l’Italia dopo il VM di anni 14 di 50 Sfumature di Grigio.

Le aspettative sono alle stelle, soprattutto per le scene di hot annunciate dal trailer e dalla stampa.

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.