2 marzo 2015

50 Sfumature di grigio, film da Oscar

Ha incassato più dei 7 candidati per Miglior Film escluso American Sniper

50 Sfumature di grigio

La cerimonia degli Oscar, in onda sulla abc e condotta quest’anno da Neil Patrick Harris non è riuscita a decollare, tenendo incollati al televisore solo 36,6 milioni di telespettatori, ben 6,4 in meno rispetto ai 43,7 dello scorso anno.

Secondo gli esperti, tra le motivazioni del flop della 87esima edizone degli Academy Awards, la scarsa popolarità delle pellicole nominate come Miglior Film, che non hanno riscosso successo al box office.

Unica eccezione, American Sniper, che al botteghino mondiale ha raccimolato ben 320 milioni dollari.

La pellicola trionfatrice della serata, Birdman, per esempio, ha incassato solo 37 milioni negli Stati Uniti, e il suo diretto concorrente Boyhood circa 25.

Inevitabile il confronto con il film che in questo momento sta infrangendo tutti i record: 50 Sfumature di grigio.

I media americani hanno fatto notare come la pellicola sulla storia di amore e passione tra Christian Grey e Anastasia Steele abbia già raccimolato al box office mondiale quasi 500 milioni di dollari, molto di più delle 7 pellicole candidate messe insieme, sempre escludendo l’ultima fatica di Clint Eastwood.

Birdman, Boyhood, La teoria del tutto, The Imitation Game, Selma, Whiplash e The Grand Budapest Hotel complessivamente hanno guadagnato circa 300 milioni di dollari, 200 in meno del film di Sam Taylor-Johnson con Jamie Dornan e Dakota Johnson, in sole due settimane di programmazione.

 Dakota Johnson e la mamma Melanie Griffith agli Oscar 2015

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.